Nome utente:

Password:

* Menu Rapido


HOME

FORUM

ENTRA IN CHAT
 
Avviso:
le iscrizioni sono momentaneamente sospese
         

Autore Topic: La mitologia Scandinava  (Letto 834 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Midnight

  • Moderatore
  • Ci-Master
  • *****
  • Post: 1715
  • Sesso: Femmina
  • fino a qui giungerai....ma non oltre...
La mitologia Scandinava
« il: Martedì 1 Maggio 2012, 16:17:04 »
La Mitologia scandinava

Insieme delle leggende e dei miti relativi ai popoli scandinavi e riguardanti gli antichi eroi, gli dei e la creazione e distruzione dell’universo
La mitologia scandinava – riconducibile all’area linguistica e culturale germanica – era tramandata oralmente e ci è stata trasmessa dagli storici del Medioevo cristiano: è dunque impossibile determinare con sicurezza le credenze, i riti e le pratiche del paganesimo originario.
Le principali fonti sulla mitologia scandinava sono le opere della letteratura nordica antica: l’Edda poetica, che si compone di 29 canti (ai quali ne furono successivamente aggiunti sei) ed è databile intorno all’800 d.C.; l’Edda e la Heimskringla di Snorri Sturluson; alcuni frammenti di leggende sono conservati talvolta in antiche iscrizioni runiche e in tradizioni folcloristiche successive. Ulteriore materiale appare nei commentari (composti intorno al 1200) dello storico danese Saxo Grammaticus e dello scrittore tedesco Adam von Bremen (attivo nel 1075 ca.)



Il pantheon scandinavo

Il pantheon scandinavo comprendeva due stirpi divine, quella dei vani e quella degli asi. Si può presumere che il culto dei vani, divinità legate al mondo contadino, fosse precedente a quello degli asi, divinità guerriere che con il tempo acquisirono però un ruolo preminente.
A capo del pantheon scandinavo era Odino, appartenente alla stirpe degli asi; era il dio della guerra, associato anche all’intelligenza, alla sapienza, alla poesia e alla magia. Accanto a lui, le principali divinità della mitologia scandinava erano sua moglie Frigg, dea del focolare domestico; Thor, dio del tuono, che proteggeva gli uomini e gli altri dei dai giganti ed era particolarmente popolare fra i contadini; Frey e la sorella Freya, dei della fertilità, appartenenti alla stirpe dei vani. Dei minori erano Njörd, il dio della fertilità, appartenente ai vani, Balder o Baldr, Hermod, Tyr, Bragi e Forseti; Idun, Nanna e Sif tra le dee. Aiutante di Odino o suo astuto avversario era il menzognero dio Loki.
La mitologia scandinava comprendeva anche altre figure soprannaturali: i giganti (al contempo gli avi degli asi e loro nemici), gli gnomi, gli elfi e le norne; a essi si affiancavano esseri mostruosi come il lupo Fenrir (figlio di Loki e di una gigantessa) e il serpente Jörmungand (che con le sue spire avvolgeva la Terra), ed esseri benigni come i due corvi di Odino e lo scoiattolo Ratatorsk, uno degli abitanti di Yggdrasil, l’albero del mondo.

   

Gli eroi


Gli scritti che ci hanno tramandato miti e leggende dei popoli nordici parlano anche delle gesta di eroi, molti dei quali erano creduti discendenti degli dei. Tra essi Sigurd “uccisore-di-draghi” (più noto come Sigfrido), Helgi “nato-tre-volte”, Harald “dente-di-guerra”, Hadding, Starkad e le valchirie, vergini guerriere capeggiate da Brunilde, che sceglievano per Odino i guerrieri uccisi da condurre nel Valhalla, dove avrebbero trascorso i loro giorni combattendo e le loro notti festeggiando sino al giorno della fine del mondo e del Ragnarök.


Cosmologia

Nella cosmologia scandinava esistevano nove mondi: Niflheim (regno del freddo), e Muspesllheim (regno del fuoco), i due mondi sorti dal Ginnungagap, il nulla primordiale; Asgard e Hel, rispettivamente la dimora degli asi e il regno dell’oltretomba; Vanaheim e Jötunheim, la dimora di vani e quella dei giganti; Alfheim (regno della luce) e Nidavellir (regno del buio); Midgard, cioè la Terra. Ogni mondo era abitato da creature diverse, ma tutti erano connessi l’uno all’altro tramite Yggdrasil, le cui radici erano collocate in tre regni diversi.
I novi mondi verranno distrutti al momento del Ragnarök, quando le forze opposte di armonia e caos si scontreranno. Dalla battaglia finale emergerà infine un mondo nuovo.



Rituali religiosi

Nei paesi scandinavi non esisteva una classe sacerdotale propriamente detta. Gli dei scandinavi erano serviti da sacerdoti, ma anche da capi delle tribù, da personaggi importanti, dal capofamiglia. Originariamente il culto si svolgeva all’aperto, sotto alberi tutelari, presso pozzi sacri o entro spazi delimitati da pietre sacrali. In seguito vennero usati templi di legno con altari e rappresentazioni scolpite degli dei. Il tempio più importante si trovava nell’antica Uppsala, in Svezia, dove si svolgevano sacrifici di animali, ma anche di esseri umani.


Divinità                        
Ruolo

Odino   
Padre degli dei e dell'umanità, dio della guerra, della saggezza e della poesia.

Thor          
Figlio maggiore di Odino; dio del tuono, dei fulmini e della pioggia.

Frigg          
Sposa di Odino; dea del focolare e protettrice dell'amore coniugale. Talvolta identificata con Freya.

Freya   
Discendente dei Vani; sorella di Frey; dea della fertilità.

Frey
Discendente dei Vani; fratello di Freya; dio della prosperità.

Balder    
Figlio di Odino e Frigg; dio della luce, della giustizia e della bellezza.

Tyr          
Dio della guerra e del diritto.

Njörd   
Discendente dei Vani; padre di Frey e Freya; dio della fertilità, del mare e del vento.

Hel          
Figlia minore di Loki e Angrboda; signora di Helheim, il regno dei morti.

Heimdall   
Guardiano dell'Asgard, la dimora degli dei.

Jord          
Sposa di Odino e madre di Thor; dea della Terra.

Hoder   
Figlio di Odino e Frigg; dio delle tenebre.

Aegir   
Dio del mare; era venerato e temuto dai marinai, che per placarlo gli offrivano sacrifici.

Bragi   
Figlio (forse adottivo) di Odino e della gigantessa Gunlod; dio della poesia e dell'eloquenza.

Idun          
Sposa di Bragi; dea dell'eterna giovinezza.

Forseti   
Figlio di Balder; dei della meditazione e della giustizia, governa il palazzo di Glitnir, dove viene amministrata la giustizia.

Ull          
Figlio di Sif e figliastro di Thor; dio della giustizia e dell'agricoltura. Eccelle nel tiro con l'arco e nello sci.

Loki          
Gigante, fratello di sangue di Odino; dio del fuoco e della menzogna; abile e maligno, è   responsabile della morte di Balder.

Valchirie   
Fanciulle guerriere, capeggiate da Brunilde, al servizio di Odino. Conducevano nel Valhalla le anime degli eroi uccisi.

Oberon   
Essere demonico e re degli elfi. Rappresentato come un nano dotato di straordinari poteri, talvolta è considerato malvagio, talvolta benevolo.

Troll   
Esseri demonici malvagi e nemici degli uomini.

« Ultima modifica: Lunedì 21 Maggio 2012, 20:15:37 da Midnight »
Quando si scrive delle donne, bisogna intingere la penna nell’arcobaleno.
"Tu sei il mio mio pio ♥ "


Offline Midnight

  • Moderatore
  • Ci-Master
  • *****
  • Post: 1715
  • Sesso: Femmina
  • fino a qui giungerai....ma non oltre...
Re:La mitologia Scandinava
« Risposta #1 il: Lunedì 21 Maggio 2012, 20:18:25 »
Il crepuscolo degli dei


Verrà il giorno, in cui si susseguiranno sei anni di inverno senza mai un giorno di tregua, la neve coprirà tutto e il vento spazzerà ogni cosa.
Gli uomini litigheranno per nulla e i lupi che inseguono il sole e la luna se li mangeranno in un boccone e questi saranno i segni dell'imminente catastrofe.

La terrà tremerà: gli alberi, i monti, le case, tutto sarà travolto dalla furia degli elementi. Si romperà la catena che tiene legato il lupo Fenrir, il ferro che imprigiona Loki, i nani usciranno dalle pietre, i giganti si ribelleranno e caleranno tutti insieme per attaccarci, Midgard uscirà dall'oceano allagando le terre e avvelenando l'aria, il gallo del grande frassino canterà e il guardiano dell'arcobaleno suonerà la sua tromba.
Allora gli dei scenderanno sulla spiaggia dell'Asgard e attenderanno le forze del male che giungeranno attraverso l'arcobaleno, mandandolo in mille pezzi.

Per tutti gli dei, sarà uno spettacolo davvero terribile!

Da una parte ci sarà Surt, il gigante di fuoco, con la sua spada fatta di fiamme; Fenrir il lupo, figlio di Loki, con le fauci spalancate dal cielo alla terra; Midgard velenoso e immenso; Hel che guiderà un vascello costruito con le unghie di tutti i morti e i Giganti del Ghiaccio e delle Montagne.

Dall'altra parte ci sarà Odino, con l'elmo d'oro e il suo cavallo; Thor con le sue armi magiche; Freyr senza spada perchè la donò al suo servo per amore; il figlio di Odino, Vidor, con le sue scarpe magiche costruite in mille anni; Heindall, il guardiano dell'arcobaleno; Freya, dea tanto bella quanto coraggiosa; le valchirie e tutti i valorosi eroi del Valhalla.

Quando la battaglia avrà inizio, non ci sarà nè scampo per gli dei, nè per gli eroi; Odino sarà ingoiato dall'immensabocca di Fenrir che verrà poi ucciso dal figlio di Odino; Thor combatterà contro Midgard e questa volta lo ucciderà, ma morirà lui stesso avvelendato dal serpente; Freyr contro Surt e Loki contro Heindall si daranno reciproca morte.
Allora e solo allora, Surt brucerà tutto.

Ma dalle acque dell'oceano dopo un pò emergerà la terra, come per incanto, ancora verde e fragile. Il figlio di Thor e quello di Odino, sopravvissuti alla battaglia, ritroveranno le sacre pietre dove è scritta la saggezza degli dei e il martello magico; allora racconteranno le storie degli dei bevendo birra e idromele e daranno vita a nuove divinità.
Dagli uomini, che si saranno salvati in un bosco sacro, nascerà un'altra stirpe e tutto ricomincerà da capo.
E così sarà sempre: nuovi mondi si susseguiranno uno dopo l'altro e ogni volta che il male vincerà, il bene rinascerà più forte e agguerrito di prima, per combattere i nemici della pace e dell'ordine.


Savanna





fonte http://ilgiardinosegreto.forumcommunity.net/?t=41360596
Quando si scrive delle donne, bisogna intingere la penna nell’arcobaleno.
"Tu sei il mio mio pio ♥ "


 

SMF 2.0.7 | SMF © 2011, Simple Machines
Enotify by CreateAForum.com
SimplePortal 2.3.5 © 2008-2012, SimplePortal

Pagina creata in 1.796 secondi con 24 interrogazioni al database.